Novità e notizie

Bando di ammissione al corso di Centralinista

BANDO DI AMMISSIONE AL CORSO
“CENTRALINISTA - OPERATORE DELL’INFORMAZIONE NELLA COMUNICAZIONE”.

In esecuzione dell’ordinanza del presidente del Consiglio di Amministrazione dell’Istituto dei Ciechi Francesco Cavazza n. 17 del 10/06/2019 , previa assegnazione da parte della regione Emilia-Romagna, viene istituito un corso della durata complessiva di 1.200 ore, articolato in 40 ore settimanali per 8 ore giornaliere per i giorni feriali dal lunedì al venerdì, limitato a un numero massimo di 30 allievi, per l’acquisizione della qualifica di centralinista telefonico e per la certificazione delle "competenze allargate alla sfera della comunicazione e gestione delle informazioni" e che, fermo restando l’assegnazione da parte della Regione stessa, dovrebbe iniziare nel mese di marzo/aprile 2020 e terminare entro il mese di dicembre 2020.

ART. 1 - DESCRIZIONE DELL’ITER FORMATIVO.

Il corso, a unico livello, offrirà a tutti i partecipanti l’opportunità di acquisire sia la qualifica di centralinista telefonico, tradizionalmente inteso, che competenze aggiuntive nell’ambito della gestione e trattamento delle informazioni nella fornitura di servizi mediante il telefono e il supporto informatico, nonché competenze relative alle principali tecniche di comunicazione nel rapporto tra operatore e utente.

ART. 2 - ESAME DI QUALIFICA PER L’ ISCRIZIONE AGLI ELENCHI PROVINCIALI DEI CENTRALINISTI NON VEDENTI.

Ai sensi della delibera di giunta regionale n. 336 del 26.03.2007, l’esame finale del corso assume valore abilitante con iscrizione agli elenchi provinciali dei centralinisti non vedenti, come previsto dalla legge 113/85 modificata.

ART. 3 - DESTINATARI DELL’ITER FORMATIVO.

I destinatari dell’iter formativo sono: disoccupati disabili visivi affetti da cecità assoluta o con residuo visivo non superiore a 1/10 in entrambi gli occhi anche con correzione di lenti.

ART. 4 - CRITERI DI AMMISSIONE.

Per essere ammessi al corso occorre:

a) essere in possesso di diploma di scuola media inferiore;
b) avere compiuto il 18.o anno di età.

ART. 5 - DOMANDA DI AMMISSIONE.

La domanda di ammissione al corso, redatta in carta libera e indirizzata al Presidente del Consiglio di Amministrazione dell’Istituto dei ciechi Francesco Cavazza - via Castiglione n. 71 - 40124 Bologna dovrà pervenire entro il 15.10.2019 a mezzo posta, fax (n. 051/33.26.09) o mail lucia@cavazza.it, sosio@cavazza.it , antonella@cavazza.it

Nella domanda il candidato dovrà dichiarare:

a) le proprie generalità;
b) data e luogo di nascita;
c) domicilio o recapito, impegnandosi a notificarne tempestivamente ogni eventuale variazione;
d) recapito telefonico;
e) stato di disoccupazione.

La domanda potrà essere integrata con qualsiasi informazione che il candidato ritenga utile, ai fini della propria ammissione.

La qualifica professionale conseguita non sarà valida qualora il candidato non risulti in possesso dei requisiti richiesti, indicati nel presente bando al successivo Art.6.

ART. 6- CERTIFICAZIONE E DOCUMENTAZIONE RICHIESTA.

I candidati dovranno presentare:

a) domanda di ammissione redatta in carta libera come da fac-simile allegato;
b) certificato rilasciato da una struttura sanitaria pubblica indicante il visus, che non dovrà comunque essere superiore a 1/10 in entrambi gli occhi, con eventuale correzione;
c) eventuale documentazione inerente la presenza di patologie aggiuntive al fine di consentire all’Istituto, qualora ciò non interferisca col modello formativo e residenziale proposto, di predisporre la struttura per un accoglimento adeguato;
d) due fotografie formato tessera;
e) copia della richiesta di assegnazione della retta inoltrata all’Ente territoriale competente, qualora si intenda usufruire dei servizi di residenzialità;
f) Nel caso in cui non vi sia la possibilità di esibire la documentazione indicata al punto e , l’allievo e/o famiglia si impegnano ad attivare una “ fideussione bancaria” a copertura delle spese di residenzialità entro 2 mesi dall’avvio del corso, pena la decadenza dai servizi di residenzialità e l’addebito delle spese sostenute dall’Istituto nei due mesi di frequenza.
g) gli allievi ipovedenti dovranno allegare certificazione medica attestante la possibilità di utilizzare ausili tecnici e informatici per l’ingrandimento dei caratteri e delle immagini (videoingranditori, software ingrandenti per computer) e che l’uso di detti ausili non costituisce potenziale danno o aggravamento per la loro situazione visiva.

I candidati dovranno inoltre autocertificare:

a) titolo di studio;
b) condanne penali riportate o eventuali pendenze in corso;
c) residenza;
d) stato di disoccupazione.

ART. 7 - COMMISSIONE ESAMINATRICE.

Per il giudizio di ammissione sarà costituita una Commissione composta dal coordinatore, da uno o più docenti e da uno o più esperti sia tecnici che relazionali.

ART. 8 - SCELTA DEI CANDIDATI.

I candidati, la cui domanda sia stata accolta, verranno ammessi a sostenere le prove di selezione che saranno effettuate alla fine del mese di ottobre 2019.

La data precisa di selezione sarà tempestivamente notificata a ciascun candidato.

La selezione sarà effettuata attraverso test e colloqui individuali predisposti dalla Commissione esaminatrice.

I test di rilevazione consentono una misurazione e valutazione oggettiva delle conoscenze/competenze pregresse e il livello di idoneità alla partecipazione. Per quanto attiene il colloquio individuale gli ambiti da esplorare riguarderanno la motivazione, il progetto personale in termini di aspettative professionali future e la convinzione in merito all’investimento formativo posto in essere.

In base a tutti gli elementi in suo possesso, la Commissione esaminatrice, a proprio insindacabile giudizio, redigerà la graduatoria finale di ammissione alla frequenza.

ART. 9 – SPECIFICA DEL CORSO.

Sarà totalmente gratuita, la parte didattica relativa all’iter formativo:
• uso delle aule,
• uso del laboratorio informatico,
• sistemi e ausili personalizzati,
• materiale didattico individuale e di gruppo,
• docenze continuative, consulenze integrative, ecc..
La parte informatica contenuta nella didattica del corso è finalizzata a dare la possibilità agli allievi di sostenere, durante il percorso formativo, l’iter per l’acquisizione della patente europea ECDL

ART. 10 – AZIONI DI SUPPORTO.

1) L’Istituto ha posto in essere una moderna struttura di residenzialità dotata di camere singole con bagno ed aria condizionata, opportunamente corredate di servizi di accesso a Internet e televisore a schermo piatto, ad uso degli allievi che avranno necessità di soggiornare per la frequenza del corso.
Le modalità di accesso al residence sono indicate nell’allegato A);
2) L’Istituto, riconoscendo le difficoltà che molti degli allievi manifestano nell’ambito dell’autonomia e mobilità personali, al fine di venire incontro a queste esigenze, predispone un servizio di supporto e sostegno all’autonomia e alla mobilità sia interna all’Istituto che esterna, finalizzata a consentire agli allievi che frequentano il corso la fruizione in condizioni di sicurezza e di piacere sia degli spazi interni dell’Istituto che delle opportunità che la città offre per quanto concerne la cultura, la musica, il cinema, gli eventi pubblici e più semplicemente la conoscenza dell’ambiente urbano per l’assolvimento di piccole e grandi necessità individuali;

3) L’Istituto ritiene che lo sport costituisca la base fondamentale per una corretta acquisizione di autonomia personale e capacità di orientamento negli spazi e a tale proposito informa che gli allievi che parteciperanno al corso potranno usufruire delle opportunità in ambito sportivo messe a disposizione dall’Istituto, tra le varie discipline che potranno essere scelte, sono a disposizione: nuoto, palestra, atletica, baseball, ciclismo, showdown, arrampicata sportiva ed eventuali altre ancora;

4) Al fine di favorire le migliori condizioni di vivibilità del corso sia nella fase iniziale che durante la permanenza, l’Istituto ha attivato un servizio di supporto psicologico modello counseling, aperto agli allievi che ne faranno richiesta. Tale servizio prevede uno sportello di ascolto a cadenza periodica in base alle effettive necessità che comunque si svilupperà lungo tutta la durata del corso.

ART. 11 – AGGIORNAMENTO DELLA QUALIFICA.

E’ intenzione dell’Istituto favorire l’aggiornamento della qualifica di centralinista telefonico e competenze connesse attualmente in essere, finalizzando il percorso formativo al raggiungimento della qualifica professionale di “ Operatore amministrativo segretariale” che prevede conseguentemente l’aggiornamento dei programmi didattici. E’ in corso la procedura di richiesta presso la regione Emilia Romagna che comporterà un iter amministrativo che allo stato attuale non ci consente di affermare che tale nuova qualifica possa essere proposta prima dell’avviamento del corso 2020. E’ comunque convinzione dell’Istituto che l’esame finale del corso consentirà di ottenere la qualifica corrispondente all’Operatore Amministrativo Segretariale”.
Per informazioni relative allo svolgimento dei corsi contattare la Struttura organizzativa (dott. Egidio Sosio, Sig.ra Lucia Iuvone) al n. 051 - 33.20.90 o all'indirizzo e-mail sosio@cavazza.it e lucia@cavazza.it

h) Gli allievi che intendono usufruire della residenzialità, dovranno provvedere in proprio o ricorrere alla struttura residenziale dell'Istituto " Paolo Emilio Cavazza ”, avvalendosi, per la copertura degli oneri richiesti, di contributi degli Enti territoriali competenti, in base alle normative sia nazionali che regionali ; nel caso in cui non vi sia la copertura degli enti territoriali di provenienza e si intenda usufruire comunque dei servizi di residenzialità messi a disposizione dall’istituto , l’allievo e/o famiglia dovranno attivare una “ fideiussione bancaria” a copertura delle spese entro 2 mesi dall’avvio del corso, pena la decadenza dai servizi di residenzialità e l’addebito delle spese sostenute dall’Istituto nei due mesi di frequenza.

Per più dettagliate informazioni sulla residenzialità, prendere visione dell'allegato al presente bando.

Il Presidente del Consiglio di Amministrazione
Istituto dei ciechi “Francesco Cavazza” Onlus
Elio De Leo

P.s. scarica l'allegato sottoriportato.

Immagine allegata: 
Nell'immagine il logo dell'UICI.

Trenitalia- concessione Carta Blu.

Cari amici e care amiche,
grazie all’intervento della Commissione Autonomia, e in particolare della
coordinatrice Annita Ventura, siamo riusciti, contrariamente a quanto
inizialmente previsto, ad includere i ciechi assoluti tra coloro che
potranno ottenere e utilizzare la Carta Blu.
A partire dallo scorso 21 giugno sono state modificate le Condizioni
Generali di Trasporto dei Passeggeri di Trenitalia relativamente alle
categorie autorizzate a richiedere la Carta Blu, nelle quali ora rientrano
anche i ciechi assoluti.
La Carta Blu può essere richiesta da persone con disabilità residenti in
Italia e titolari dell’indennità di accompagnamento, di cui alla legge
18/1980 e successive modifiche e integrazioni, in particolare della legge
508/1988.
La Carta viene rilasciata dagli Uffici Assistenza e, dove non presenti,
dalle biglietterie di stazione.
Per dimostrare di rientrare nelle categorie che possono usufruire della
Carta Blu, è necessario consegnare:
 copia fotostatica del certificato rilasciato, dalle competenti
Commissioni Mediche ASL o del verbale di
accertamento di invalidità civile inviato dall’INPS, attestante il
riconoscimento della persona a rientrare nelle
categorie di cui all’art 1 della legge 18/80 e successive modifiche e
integrazioni, in particolare della Legge n.
508/1988, o altra idonea certificazione attestante tale titolarità;
 copia fotostatica del documento di identità personale;
 Modulo “Carta Blu” debitamente compilato e sottoscritto dal richiedente
in conformità alla normativa in materia di protezione dei dati personali
di cui al Regolamento UE 2016/679 e al Decreto legislativo 30 Giugno 2003
n° 196, come modificato dal Decreto legislativo 101/2018.
Per maggiori informazioni è possibile visitare il sito di Trenitalia alla
sezione La guida del viaggiatore.
La Carta Blu è gratuita e valida cinque anni. Consente di far viaggiare
gratuitamente l’accompagnatore. Per i viaggi sui treni Intercity,
Intercity Notte, Frecciabianca, Frecciargento e Frecciarossa, in 1^ e in
2^ classe, nei livelli di servizio Business, Premium e Standard e nei
servizi cuccetta o vagone letto, viene rilasciato un unico biglietto Base
al prezzo intero, valido per il titolare e il suo accompagnatore.
Nel caso di treni regionali viene rilasciato un unico biglietto a prezzo
intero a tariffa regionale o tariffa regionale con applicazione
sovraregionale, valido per due persone.
Sono esclusi dalle riduzioni il livello di servizio Executive e le vetture
Excelsior.
Per i viaggi sui treni nazionali, se il titolare della Carta Blu è un
bambino (fino a 15 anni non compiuti), il biglietto viene emesso con lo
sconto del 50% e l’accompagnatore – che deve essere maggiorenne - viaggia
sempre gratuitamente.

Immagine allegata: 
Nell'immagine il logo dell'UICI.

Graduatoria Giovani del Servizio Civile Nazionale 2019

Bando per la selezione di complessivi 766 volontari, di cui 763 da impiegare in progetti di servizio civile per l’accompagnamento dei grandi invalidi e dei ciechi civili e 3 da impiegare nell’ambito del progetto “Italia Redondesco 2017” presentato dal Comune di Redondesco approvato dalla Regione Lombardia.

Accompagnamento ciechi civili (art. 40, legge n. 289/2002)

Ente titolare " Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Sezione Territoriale di Modena" APS
Progetto "Io e Te 1 - L. 289/2002" - Modena”
Codice sede n. 17353 n. posti 3 (*)
N. posti complessivi Progetto 3 (*)

Posizione Graduatoria Cognome Nome Data di nascita Punteggio Selezionato (sì, no) Codice sede Escluso (X)
1. Albano Noemi 29/11/1993 38,67 SI’ 17353
2. Kpandika Marie Reine Sika 14/04/1994 16,83 NO 17353
3. Sogah Kwami 09/06/1990 17 NO 17353
4. Vispi Giulia 19/01/1999 38 SI’ 17353

(*) che a seguito di rinuncia pervenuta in data 29/05/2019 da parte di un soggetto beneficiario (sig.ra Diaco Annina) sono rimasti n. 2

Modena, lì 24 giugno 2019

Il Presidente
Ivan Galiotto

Immagine allegata: 
nell'immagine il logo dell'UICI.

Invito conferenza stampa

BPER Banca e UICI presentano
le carte di pagamento in Braille

E’ il primo Gruppo bancario nazionale a emetterle
con il sistema di scrittura per non vedenti

La S.V. è invitata a partecipare
alla conferenza stampa che si terrà
mercoledì 26 giugno alle 10.30

presso il foyer del BPER Forum Monzani
in via Aristotele 33 a Modena

Intervengono alla conferenza stampa

Stefano Bonaccini
Presidente della Regione Emilia Romagna
Gian Enrico Venturini
Vice Direttore Generale di BPER Banca
Stefano Tortini
Vice Presidente UICI
Ivan Galiotto
Presidente Sezione Provinciale di Modena - UICI
Marco Ferrigno
Vice Campione mondiale di showdown e Presidente Polisportiva P.A.T. di Bologna

Inviato da iPhone

Immagine allegata: 
Nell'immagine il logo dell'UICI

Premio "Antonio Munoz" 2019 - per studenti con disabilità visiva.

Da oltre 40 anni il MAC indice un premio intitolato ad Antonio Muñoz, professore non vedente di Latina alla cui memoria è dedicato, con l'obiettivo di promuovere la migliore qualità dell'inclusione e dell'istruzione scolastica delle persone con disabilità visiva.

Possono partecipare gli studenti, ciechi o ipovedenti, che hanno frequentato nell'anno scolastico 2018/2019 la scuola primaria o la scuola secondaria di I e II grado. Saranno attribuiti sei premi di cui 2 per la scuola primaria, con un importo ciascuno di € 300,00, 2 per la scuola secondaria di primo grado, con un importo ciascuno di € 400,00, e 2 per la scuola secondaria di secondo grado, con un importo ciascuno di € 500,00.

Vi chiediamo di dare ampia diffusione all'iniziativa e, a tal fine, alleghiamo alla presente il regolamento del Premio con i relativi moduli di partecipazione, ricordando che il termine per la presentazione delle domande scade il 31 luglio 2019.
Ringraziando per la collaborazione vi salutiamo cordialmente.

Il Presidente Nazionale L'Assistente Ecclesiastico Nazionale
Avv. Michelangelo Patanè Don Alfonso Giorgio

Movimento Apostolico Ciechi
via di Porta Angelica n.63 – 00193 Roma
tel 066861977 - fax 0668307206
www.movimentoapostolicociechi.it

Immagine allegata: 
Nell'immagine il logo dell'UICI

premio "Diana Lorenzani" 2019

premio "Diana Lorenzani" 2019 - ottava edizione per enti del Terzo Settore, scuole ed agenzie educative.
Dal 2011 il MAC, grazie a un lascito ricevuto, indice annualmente un premio, intitolato alla benefattrice sig.ra Diana Lorenzani, con la finalità di promuovere il valore culturale e sociale dell'inclusione delle persone con disabilità complessa. Il premio è rivolto agli enti del terzo settore, alle agenzie educative e alle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado che, nell'ultimo anno, hanno messo in atto azioni e progetti allo scopo di facilitare e favorire l'inclusione, nella comunità scolastica e sociale, delle persone con disabilità grave. Saranno così attribuiti tre premi, ciascuno del valore di € 500,00, ad altrettanti enti che hanno realizzato significative esperienze di inclusione sociale di persone con disabilità complessa.
Vi chiediamo di dare ampia diffusione all'iniziativa e, a tal fine, alleghiamo alla presente il regolamento del Premio con i relativi moduli di partecipazione, ricordando che il termine per la presentazione delle domande scade il 31 luglio 2019.
Ringraziando per la collaborazione vi salutiamo cordialmente.

Il Presidente Nazionale L'Assistente Ecclesiastico Nazionale
Avv. Michelangelo Patanè Don Alfonso Giorgio

Movimento Apostolico Ciechi
via di Porta Angelica n.63 – 00193 Roma
tel 066861977 - fax 0668307206
www.movimentoapostolicociechi.it

Immagine allegata: 
Nell'immagine il logo dell'UICI.

AVVISO PUBBLICO PROVINCIALE DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE 2019

In data 12 giugno è stato pubblicato l'Avviso Pubblico Provinciale di Servizio Civile Regionale/Bando di Servizio Civile Regionale.

Possono partecipare alla selezione i giovani cittadini italiani o provenienti da altri Paesi regolarmente soggiornanti in Italia, senza distinzione di sesso o di appartenenza culturale o religiosa, di ceto, di residenza o di cittadinanza, che alla data di presentazione della domanda, abbiano compiuto il diciottesimo e non superato il ventinovesimo anno di età (29 anni e 364 giorni) e siano in possesso dei seguenti requisiti, da mantenere fino al termine del SCR (ad eccezione dell’età):

 non aver riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo ovvero ad una pena della reclusione anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, ovvero per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata;

 essere residenti o domiciliati in Italia;
 per i giovani provenienti da altri Paesi essere in regola con la vigente normativa per il soggiorno dei comunitari e degli stranieri in Italia, ad esclusione dei permessi di soggiorno di durata inferiore ai 12 mesi (es.per motivi turistici e per motivi di lavoro stagionale).

La domanda di partecipazione NON può essere presentata:
- per un progetto che coinvolga un ente presso il quale la/il giovane:
A) abbia attivato un qualsiasi rapporto di tipo lavorativo o comunque di dipendenza o collaborazione, anche non retribuito (per esempio tirocinio o stage) nell’anno in corso (2019) o nei 3 precedenti (1/1/16-31/12/18). Si precisa che l’esperienza di volontariato presso un ente consente la presentazione della domanda di partecipazione al SCR nello stesso ente;

B) sia domiciliato o residente da oltre 1 anno (fatto salvo il richiedente asilo);
- da chi abbia svolto, o che alla data di pubblicazione del presente avviso stia svolgendo, servizio civile nazionale/universale, ai sensi della legge 64/2001 o del D.Lgs.40/2017, oppure servizio civile regionale (SCR), ai sensi della legge regionale 20/2003 o di altra legge regionale o provinciale, oppure da chi abbia interrotto una delle predette esperienze di servizio civile prima della scadenza prevista (ad eccezione dell’interruzione per sanzione comminata all’ente);
- dai giovani che appartengano ai corpi militari e alle forze di polizia.

La domanda, firmata dal richiedente, deve essere:
-redatta secondo il modello riportato nell’"Allegato III” al presente avviso;
-corredata dalla scheda, debitamente firmata, dell’autocertificazione dei titoli posseduti di cui all’“Allegato IV” al presente avviso;
-corredata dalla scheda, debitamente firmata, dell’informativa sulla “privacy” di cui all’“Allegato V” al presente avviso;

-accompagnata da fotocopia di valido documento di identità personale e per i giovani provenienti da altri Paesi dalla copia del permesso in corso di validità (oppure copia del permesso scaduto e della ricevuta postale della richiesta di rinnovo) o della carta di soggiorno, per le quali non è richiesta autenticazione;

La domanda di partecipazione va consegnata direttamente all’Ente titolare del progetto prescelto e dovrà essere ricevuta, a pena d’esclusione , entro e non oltre le ore 14:00 del 12/07/2019.

Le domande pervenute oltre il termine innanzi stabilito, o trasmesse con modalità diverse da quelle indicate nel capoverso seguente, non saranno prese in considerazione.
La domanda può essere presentata esclusivamente con una delle seguenti modalità:

1) con Posta Elettronica Certificata (PEC) - art. 16-bis, comma 5 della legge 28 gennaio 2009, n. 2 - di cui sia titolare l’interessata/o, avendo cura di allegare tutta la documentazione richiesta in formato pdf;

2) a mano;

3) a mezzo “raccomandata A/R”.

È possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto di SCR da scegliere tra i progetti inseriti nel presente avviso e tra quelli inseriti nei restanti avvisi provinciali, in corso, del SCR dell’Emilia-Romagna. La presentazione di più domande comporta l’esclusione dalla partecipazione a tutti i progetti inseriti negli avvisi innanzi citati, indipendentemente dalla circostanza che non si partecipi alle selezioni.

È causa di esclusione dalla selezione la mancata sottoscrizione della domanda “allegato III” e/o la sua presentazione fuori termine.

Non sono cause di esclusione in quanto è possibile procedere ad integrazione:
–la mancata indicazione della sede per la quale si intende concorrere (sarà cura dell’ente provvedere a far integrare la domanda con l’indicazione della sede);
–il mancato invio della fotocopia del documento di identità, ovvero la presentazione di una fotocopia di un documento di identità scaduto, ovvero il mancato invio di copia del permesso in corso di validità (oppure del permesso scaduto e della ricevuta postale della richiesta di rinnovo) o della carta di soggiorno (sarà cura dell’ente provvedere a far integrare la domanda);
–il mancato invio dell’autocertificazione dei titoli posseduti (Allegato IV) o la sua mancata sottoscrizione (in tal caso l’ente procederà alla selezione senza tener conto dei titoli);
–il mancato invio dell’informativa “Privacy” (Allegato V) (sarà cura dell’ente provvedere ad acquisirla debitamente firmata).

Laddove in fase di colloquio non fossero fornite le integrazioni relative al documento di identità e all’informativa “Privacy” il candidato è escluso dalla selezione.
La selezione dei candidati sarà effettuata, ai sensi dell’art. 15 del D.Lgs. 6 marzo 2017, n. 40, dall’ente titolare del progetto prescelto come indicato di seguito:

Calendario Selezioni

Le selezioni verranno effettuate, presso la Sede di Via Don Lorenzo Milani n. 54 a Modena, secondo il seguente calendario:

- venerdì 19 luglio dalle 14.00 alle 17.00

La pubblicazione del calendario di cui sopra ha valore di notifica della convocazione e la mancata partecipazione al colloquio equivale a rinuncia al SCR e comporta l’esclusione dalla selezione per non aver completato la relativa procedura, anche se l’assenza fosse dipendente da causa di forza maggiore.

I candidati, quindi, sono invitati a presentarsi al colloquio muniti di documento d’identità e di permesso di soggiorno con eventuale cedolino di rinnovo del permesso o di prenotazione per il rinnovo del permesso stesso.

L’ente cui è rivolta la domanda verifica in capo a ciascun candidato la sussistenza dei requisiti riportati nel presente avviso e provvede ad escludere i richiedenti che non siano in possesso anche di uno solo di tali requisiti. Delle eventuali cause di esclusione è data comunicazione all’interessato a cura dell’ente. L’ente dovrà verificare che la domanda di partecipazione sia sottoscritta dall’interessato, sia presentata entro il termine e con le modalità prescritte dal presente avviso e che alla stessa sia allegata fotocopia di un documento di identità in corso di validità.
L’ente dovrà attenersi nella procedura selettiva ai criteri verificati e approvati in sede di valutazione del progetto, provvedendo a darne adeguata pubblicità sul proprio sito internet.

Alla graduatoria è assicurata da parte dell’ente adeguata pubblicità, sul proprio sito internet e presso le sedi dove sono state effettuate le selezioni. Ai sensi dell’art. 13 del Regolamento europeo n. 679/2016 (di seguito Regolamento), i dati personali dei giovani candidati al SCR sono trattati dalla Regione Emilia-Romagna, secondo l’informativa di cui all’”allegato V” al presente avviso. Il titolare del trattamento dei dati personali è la Giunta della Regione Emilia-Romagna, con sede in Bologna, Viale Aldo Moro, n. 52 CAP 40127. I dati personali forniti dai giovani partecipanti sono acquisiti dall’ente che cura la procedura selettiva, in qualità di “Responsabile del trattamento” ai sensi e per gli effetti di cui all’articolo 28 del Regolamento, per le finalità di espletamento delle attività di selezione e, successivamente all’eventuale instaurazione del rapporto di servizio civile regionale, saranno trattati per le finalità connesse alla gestione del rapporto stesso ed alla realizzazione del progetto di servizio civile regionale.

Sono fatte salve le previsioni contenute nelle deliberazioni della Giunta regionale n.558/2016 e n.2018/2018.

La Sezione UICI di Modena partecipa al Bando per il Servizio Civile Regionale 2019 con il suo progetto “Per una vita indipendente dei Ciechi SCR 2019”.
Come già detto, le domande debitamente compilate (allegato III, IV e V) dovranno essere consegnate, corredate da copia del documento d’identità e codice fiscale validi, entro le ore 14 di venerdì 12 luglio 2019 con le seguenti modalità:

- consegna a mano presso la sede di Via Don Lorenzo Milani n. 54 (previo appuntamento telefonico al 059/300012);

- per posta raccomandata con ricevuta di ritorno a:
Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Sezione Territoriale di Modena
Via Don Lorenzo Milani n. 54 
41122 Modena (MO)

- via PEC al seguente indirizzo: uicmo@pcert.postecert.it

Il Presidente
Ivan Galiotto

COLLOQUIO DI SELEZIONE PER IL SERVIZIO CIVILE PROGETTO “Io e Te 1 – MODENA – LEGGE 289/2002”

Lunedì 24 giugno 2019 si svolgeranno i colloqui di selezione con il selettore accreditato sig.ra Diletta Bellei per il progetto “Io e Te 1 – L. 289/2002” - Modena.
I candidati dovranno presentarsi con un documento di identità presso la sede dell’associazione in Via Don Lorenzo Milani n. 54 Modena (zona Torrazzi) secondo il seguente orario:

Albano Noemi ore 15.00
Kpandika Marie Reine Sika 15.20
Sogah Kwami ore 15.40
Vispi Giulia ore 16.00


Lettera aperta

C’era una volta il Servizio Civile, autentica palestra di vita per migliaia
di giovani, che sceglievano questa strada spesso solo con l’obiettivo di
evitare la naja, e poi – catapultati all’improvviso in una dimensione del
tutto sconosciuta, quella dell’impegno quotidiano in associazioni di
volontariato al servizio delle persone con disabilità, o degli anziani, o
degli emarginati – superato lo smarrimento iniziale, scoprivano un senso
nuovo alla propria esistenza. Terminati i dodici mesi del servizio, molti
di loro non riuscivano più a staccarsi dal Nuovo Mondo, e diventavano
quindi volontari.
C’era una volta, e quasi non c’è più... Il mondo del volontariato sta
vivendo una crisi di “vocazioni” che sembra inarrestabile.
Senza i volontari coleremmo a picco in pochi mesi e anche questo è
patrimonio pubblico da valorizzare. Magari ripartendo ora dal servizio
civile. Parliamone.
VOLONTARIO, DOVE SEI?
Cosa spaventa i giovani ad approcciarsi al mondo del volontariato del
servizio civile per i progetti dedicati ai disabili visivi?
Il volontariato è in crisi e notiamo che questa criticità è evidenziata nei
progetti dedicati ai disabili visivi. Perché c’è un grosso sconcerto ad
approcciarsi alla nostra realtà?
Missione possibile? Ecco la sfida del servizio civile dei volontari da
impiegare in progetti di servizio civile per l’accompagnamento dei grandi
invalidi e dei ciechi civili.
Perché i ragazzi smettono o non fanno volontariato? Come attrarre i
giovani? Il reclutamento è sempre più difficile, la conseguenza è la
perdita di nuovi attori sociali: il problema più urgente dei giovani oggi
è quello di sopravvivere al presente, non di pensare al futuro per capire
che si può essere utili alla società con piccoli grandi gesti, senza i
quali le cose non potranno cambiare.
Invitiamo quindi i giovani e gli adulti educanti ad esprimersi. Hanno tanto
da dire e da far sapere.
Dateci una mano a comprendere perché i ragazzi sono poco attratti dal
volontariato del servizio civile o perché rifuggono i progetti di sostegno
alla disabilità visiva e perchè decidono che non vale la pena provare
questo tipo di esperienza, non preferendola ad altre. Stiamo visionando
molti forum e siti per cercare di farci un’ idea, ma vorremmo che ci deste
una mano dicendo la vostra...magari lasciando commenti o suggerimenti al
post. GRAZIE!...
Il Presidente Territoriale
Unione Ciechi e Ipovedenti Modena
Ivan Galiotto

Immagine allegata: 
Nell'immagine il logo dell'UICI.

Richiesta disponibilità test

Nei giorni 15-16-17 Maggio la sezione IRIFOR di Catanzaro in collaborazione con un gruppo di ricercatori Calabresi si allocherà presso l’Istituto F. Cavazza in Bologna al fine di effettuare alcuni test specifici su una importante iniziativa promossa proprio nella Città di Catanzaro.
Nello specifico nel 2016 l’IRIFOR insieme alla società TEA, all’Università della Calabria, all’organizzazione OMNIARCH e allo Studio di Consulenza RUBINO, ha stretto un partenariato di ricerca avente per tema la creazione e standardizzazione di un nuovo metodo di riproduzione dell’arte pittorica.
Un percorso che oggi, dopo una serie di ricerche e test in loco, ha elaborato un prototipo che per omogeneità della ricerca l’equipe vuole testare con utenti diversi. Da qui infatti l’idea di raggiungere proprio la Città di Bologna e l’Emilia Romagna per un target più ampio e strutturato.
Al fine di una buona riuscita dei test di ricerca, sono qui a chiedere a tutti voi il giusto supporto attraverso l’eventuale vs. presenza in uno dei giorni sopra citati e che potrebbero essere concordati per far fruire al meglio questo straordinario prototipo che rappresenta un’eccezionale nuovo modo di rappresentare l’arte pittorica anche attraverso una serie di fasi emozionali.
Chiedo a chi fosse interessato di inviarmi la propria disponibilità per organizzare un gruppo che, con l'aiuto dei ragazzi del Servizio Civile, possa recarsi ad effettuare i test.
Vi saluto tutti con affetto.
Ivan Galiotto

Immagine allegata: 
Nell'immagine il logo dell'UICI.

Pagine

Abbonamento a Novità e notizie